18 ottobre 2003

Solidarietà


Esprimo la mia piena, totale, assoluta solidarietà con gli esponenti delle forze dell'ordine che, con atto dissennato e insipiente sono stati inviati a compiere una perquisizione di ben sette ore nella sede di un noto quotidiano.
E' noto che una lunga esposizione a materiale biologicamente dannoso può causare gravi patologie e condurre, in molti casi, alla demenza e alla morte cerebrale.
Le conseguenze dell'esposizione al noto quotidiano sono riscontrabili nei lettori (per fortuna sempre meno numerosi) che il quotidiano in questione continua a irradiare. In moltissimi casi la demenza è quasi totale, e, comunque, nessun lettore esposto a più di sette irradiazioni del noto quotidiano ha più potuto fare uso delle sue capacità cerebrali.
L'esposizione dei carabinieri a ben sette ore di irradiazione, senza alcuna protezione, è stata dichiarata, dall'OMS un atto irresponsabile in quanto praticamente letale.
Esprimo solidarietà alle famiglie e dichiaro tutto il mio sdegno nei confronti di chi ha ordinato agli eroici agenti di impegnarsi in una missione suicida.
E' auspicabile che, d'ora in poi, vengano assunte tutte le misure di sicurezza possibili, al fine di evitare che altre vittime possano aggiungersi a questa tragica lista.

Nessun commento:

Posta un commento