15 maggio 2004

Cloni


Tempo fa mi sono fermato alla stazione di servizio di Sacchitello, vicino Enna, per un urgente bisogno fisiologico...
Stavo per entrare nel locale dell'autogrill ma davanti la porta ho visto qualcosa che mi ha bloccato. Un esercito di cloni, tutti giovani, belli, coi capelli corti e perfettamente pettinati, magri e dritti come fusi, immacolati, puliti, lindi e profumati quel tanto che basta. Lo stesso vestito blu, le stesse camicie, le cravatte indistinguibili e, lucente e sfolgorante, la spilletta d'ordinanza di ForzaItalia.
Un esercito di cloni che partiva alla conquista di chissà quali mercati, di chissà quale luminoso futuro.
Io brutto, grassoccio, malvestito, sudaticcio e, soprattutto, irrimediabilmente collocato dall'altra parte, mi sono voltato, sono tornato sui miei passi, e ho preferito pisciare da un'altra parte, visto che farlo in quel luogo, per quel giorno, mi faceva schifo!

Nessun commento:

Posta un commento