20 ottobre 2005

Io Galileo

Io Galileo [...] dell'età mia di 70 anni, costituito personalmente in giudizio e inginocchiato avanti a voi Eminentissimi Cardinali, in tutta la Republica Cristiana contro l'eretica pravità generali Inquisitori [...] perchè da questo Santo Officio, per aver io, dopo d'essermi stato con precetto dall'istesso giuridicamente intimato che omninamente dovessi lasciar la falsa opinione che il Sole sia il centro del mondo e che non si muova e che la terra non sia il centro del mondo e che si muova, e che non potessi tenere, difendere nè insegnare in qualsivoglia modo, nè in voce nè in scritto la detta falsa dottrina [...]. Pertanto [...] con cuor sincero e fede non finta abiuro, maledico e detesto li sudetti errori e eresie [...] e giuro che per l'avvenire non dirò mai più nè asserirò, in voce o in scritto, cose tali per le quali si possa aver di me simil sospizione [...]. Io, Galileo Galilei ho abiurato come di sopra, mano propria.

Galileo Galilei, Cedola di abiura, 1633

Nessun commento:

Posta un commento