08 ottobre 2006

Chi ci difende?

C'è, in questo paese, una gran massa di gente che non trova nè rappresentanti nè difensori.
In questi giorni scopriamo che esistono un'enormità di difensori del ceto medio. Salvo poi scoprire che per ceto medio intendono quelli che guadagnano 70 mila euro all'anno, il che, in pratica, significa CINQUEMILA euro al mese. Ora, non vorrei sembrare avvelenato dall'odio di classe, ma a me, quelli che guadagnano cinquemila euro al mese non mi vedono manco da lontano, visto che io guadagno, a malapena, un quinto di questa cifra.
Dunque, ricapitolando: tutto il centrodestra difende il ceto medio (e questo va da sè... in fondo è normale); nel centrosinistra margheritini, diessini, dipietrini, udeurini e qualche altro ino difendono il ceto medio. Quelli più a sinistra (pdci, rc, verdi...) non vogliono certo inimicarselo questo mitologico ceto medio.
In buona sostanza tutti quelli che guadagnano meno di cinquemila euro al mese non hanno nessuno che li difende...
Resta fermo che il centrodestra mi fa schifo e orrore, resta fermo che questa falsa sinistra mi fa pena e ribrezzo, resta fermo che il concetto stesso di rappresentanza politica è un falso mito.
Che si fa? Si aspetta che l'uccello padùlo passi dalle nsotre parti?

Nessun commento:

Posta un commento