10 dicembre 2006

Teo-piaz

Bisogna capirlo il povero papa, ha ereditato una bottega che vende un prodotto ormai desueto, deve fare il mestiere di piazzista di una merce che è sempre più difficile vendere, anche perché è sempre più difficile reperirla e quindi, poveretto è costretto a barcamenarsi per difendere il suo negozio dall'assalto della concorrenza. Certo era più comodo fino a qualche tempo fa quando vigeva un regime di monopolio e il negozio non solo era l'unico a vendere la merce ma era anche l'unico a poter promuovere campagne pubblicitarie, perciò il prodotto andava che era una bellezza, ma poi, almeno dal 1517, il mercato si è aperto a concorrenti più audaci, più abili nel marketing, con un prodotto più accattivante e con la possibilità di rinnovare a proprio piacere il prodotto stesso. Adesso nella piazza in cui, finora aveva conservato se non il monopolio, almeno una certa predominanza commerciale si fa sempre più concreto il pericolo di doversi confrontare con altri fornitori, con catene di marketing più agguerrite, che praticano prezzi più a buon mercato, che sanno, quando vogliono, usare anche la forza per stroncare i vecchi concorrenti. Insomma corre il rischio di andare fuori dal mercato e, quindi, si batte con le unghie e i denti per conservare quel po' di potere che ancora gli rimane. Anche i clienti affezionati, ormai, lo guardano con un misto di tenerezza e nostalgia, come a dire "poveretto", però nessuno ha il coraggio di consigliargli l'unica cosa che sarebbe opportuno fare e che potrebbe salvare anche la sua merce, cioè mettersi fuori dal mercato, rinunciare alla concorrenza commerciale e cominciare a fare quello che il fondatore del negozio avrebbe voluto fare fin dall'inizio: regalare la merce, che tanto, anche il fornitore la dà via gratis e perciò volerci lucrare su sembra anche un tantinello immorale. Se si chiude la saracinesca e si mette la merce in piazza tutti ne guadagneranno, il negoziante, il cliente, la merce e, in definitiva, soprattutto il fornitore che dopo tanto tempo, finalmente, raggiungerà il suo scopo, fare arrivare la sua merce di qualità a tutti, specie a chi non se la può permettere.

Nessun commento:

Posta un commento