09 giugno 2007

Essere vivi

Se manifesti contro l'assassino Bush, sei un terrorista

Se fischi contro il clown Berlusconi, sei un un estremista

Se ti incazzi contro il governo destrorso di Prodi, sei un traditore

Se mandi affanculo i "compagni" dei salotti buoni, alla Bertinotti, sei massimalista

Se capisci che la democrazia è un inganno di una classe di tecnocrati oligarchi, sei un alienato

Se decidi che loro potranno anche comandare e farsi i cazzi loro ma non potranno dire di averti preso in giro fino a farti credere di essere libero... sei vivo!

2 commenti:

  1. carissimo prof.
    (a prescindere mi scuso x la gramattica)
    Ma scusi allora quale può essere la soluzione a qsta tragica prigionia? La prego, non x far il ruffiano, mi dia lei la soluzione. Una sarebbe quella d'andare a vivere tra le campagne ,fuori dal mondo, ma alla fine sarà come aver fatto il loro sporco gioco xkè di fondo non saremo mai un problema tnt dentro qnt completamente fuori dal sistema, qst'ultimo cosi fitto da far quasi perdere le speranze x tentare d'entrare come virus x cambiarlo o distruggerlo.
    Beh forse saranno proprio le campagne i luoghi dove conbriccole si riuniranno x sfuggire a qst sistema, poter VIVERE e kissà un giorno i figli dei figli dei loro figli,+ ke mai stimolati dagli qnt dagli padri, ke nel frattempo si saranno molptiplicati e incetivato l'esercito,cosi faranno qsta beneamata e + ke mai ricercata disfatta. :_-( "povera Italia"

    RispondiElimina
  2. Caro anonimo, tu solleciti una mia risposta. Io lascio parlare un grande pensatore che ha già risposto a questi problemi. se vuoi leggere alcune delle sue opere vai a questo indirizzo: http://www.liberliber.it/biblioteca/m/malatesta/index.htm

    Noi vogliamo dunque abolire radicalmente la dominazione e lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo; noi vogliamo che gli uomini, affratellati da una solidarietà cosciente e voluta, cooperino tutti volontariamente al benessere di tutti; noi vogliamo che la società sia costituita allo scopo di fornire a tutti gli esseri umani i mezzi per raggiungere il medesimo benessere possibile, il massimo possibile sviluppo morale e materiale; noi vogliamo per tutti pane, libertà, amore, scienza.
    E per raggiungere questo scopo supremo noi crediamo necessario che i mezzi di produzione siano a disposizione di tutti, e che nessun uomo, o gruppo di uomini possa obbligare gli altri a sottostare alla sua volontà, né esercitare la sua influenza altrimenti che con la forza della ragione e dell'esempio.
    Dunque: espropriazione dei detentori del suolo e del capitale a vantaggio di tutti; ed abolizione del governo.
    Ed aspettando che questo si possa fare: propaganda dell'ideale; organizzazione delle forze popolari; lotta continua, pacifica o violenta secondo le circostanze, contro il governo e contro i
    proprietari per conquistare quanto più si può di libertà e di benessere per tutti.

    RispondiElimina