06 novembre 2007

Dubbi

Qualcuno può spiegarmi la differenza tra la posizione di Fassino e quella di Fini sul tema dell'emigrazione? Perché sono seriamente smarrito. Se tra un ex fascista e un ex comunista c'è una così perfetta consonanza su un tema complesso come è la presenza di immigrati sul nostro territorio, c'è poco da stare allegri.
Questa vicenda del "problema" romeno e del decreto fascista approntato dal governo Prodi contro i romeni sta mostrando il vero volto del PD. Si tratta, non c'è più dubbio, di un partito neoconservatore, orientato a destra su molti temi, da quelli economici a quelli sui diritti civili (avete avvistato i DICO da qualche parte?).
Adesso stanno per approvare una norma sull'emigrazione che nessun paese europeo, nemmeno la destrorsa Austria di Haider aveva avuto il coraggio di approvare. E discutono se sia il caso di peggiorare ancor di più questo decreto accogliendo i pacati suggerimenti di un Fini che, in questa come in altre occasioni, si ripropone come leader neofascista.
Beh, auguri davvero al PD e a quelli che lo appoggiano.
Per usare le parole di Valentino Parlato sul Manifesto di oggi: «forse è preferibile un ritorno di Berlusconi alla berlusconizzazione di noi stessi».

Nessun commento:

Posta un commento