13 gennaio 2008

Coup d'Etat

Nel 1976, dunque, la NATO pensava e teorizzava un colpo di stato in Italia per scongiurare l'eventualità di un governo dei comunisti. Nulla di nuovo, lo sapevamo! Nessuno, credo, si illude sulla natua dell'alleanza atlantica; solo gli stupidi o quelli in malafede possono pensare che il suo scopo sia la difesa della libertà e della democrazia. La NATO è uno strumento di repressione e di controllo a servizio del potere e del dominio statunitense. D'altra parte, il regime dei colonnelli in Grecia, la vicenda cilena, la stessa storia italiana (gladio, p2, Ustica...) ci hanno detto tutto su cosa sia questa perversa alleanza di poteri. Non mi meraviglio, dunque, di questa rivelazione. Casomai c'è da riflettere sul fatto che, appena due anni dopo, la stagione del "compromesso storico" fu stroncata sul nascere dal rapimento di Aldo Moro, vicenda che, a mio avviso, si configura esattamente come un colpo di stato. Coincidenza? Poi, benevolmente, la NATO ha deciso di soprassedere, perchè la cosa era irrealistica. Secondo me hanno riflettuto su quello che diceva Stefano Rosso: "colpo di Stato, ma che colpo se lo Stato qui non c'è?"

Nessun commento:

Posta un commento