23 febbraio 2008

I siciliani non sono italiani?

Ieri sera a "Matrix" Berlusconi ha detto, più o meno, che con il ponte sullo stretto la Sicilia potrà diventare una terra "più italiana" e i siciliani "italiani al cento per cento".

Se le parole non sono sputi gettati controvento e se hanno un loro peso e un loro signiificato, ciò vuol dire che per il piazzista di Arcore la Sicilia non è una terra del tutto italiana e noi siciliani non siamo italiani se non in una misura inferiore agli altri. Ci penserà lui a redimerci?

Vorrei sapere, secondo Berlusconi, io sono italiano al settanta per cento, oppure al cinquanta?

La destra ha della Sicilia una visione colonialista, ereditata probabilmente dalla lega che non ha mai nascosto il suo antimeridionalismo e il suo odio verso tutto ciò che sta al di sotto di Firenze. La Sicilia è, per loro, un corpo estraneo, un problema, una colonia, appunto, che non appartiene al corpo italiano ma si limita a viverne simbioticamente, se non parassitariamente, al margine. I siciliani son tutti mafiosi o parassiti, gente infida e inferiori agli altri italiani (d'altra parte lo capisco, povero Berlusconi, visti i siciliani che frequenta di solito...)

Certo, è una stronzata galattica il pensare che basterebbe un ponte per ottenere un avvicinamento dell'isola al resto del paese. Ma è una superstronzata leghista il solo pensare che la Sicilia e i siciliani siamo meno Italia e meno italiani di tutti gli altri. Berlusconi ha a che fare con una determinata categoria di siciliani, quelli del "popolo di destra" che è disposto a vendere l'anima pur di ottenere qualcosa. I politici siciliani hanno venduto l'anima a Berlusconi (anche quelli che fingono di essere autonomisti) in cambio di una partecipazione al potere, molti siciliani vendono l'anima ai politici che hanno venduto l'anima a Berlusconi e così la società isolana è diventata una società apparentemente dedita alla prostituzione di se stessa.

Tuttavia la maggior parte dei siciliani è gente con un'enorme e atavica dignità, gente che prova schifo per Berlusconi e per tutti i politici come lui.

Nessun commento:

Posta un commento