20 marzo 2008

E Berlusconi si comprerà pure l'Alitalia

E così Berlusconi si vuol comprare anche l'Alitalia. In attesa della prossima immancabile smentita, apro il sito de "La Repubblica" e trovo quella notizia che io avevo immaginato già quando, qualche giorno fa, alcune dichiarazioni di Berlusconi avevano fatto crollare il titolo Alitalia. Uno pensa: ma questo è davvero scemo o ha un piano? Poi trovi certe notizie e capisce che l'uomo è molte cose, ma scemo non è.

Casomai sono scemi quelli che lo votano, visto che lui usa il suo potere per accrescere a dismisura il suo patrimonio personale.

Da qualche settimana la canea dei levrieri da caccia del cavaliere si era scatenata contro Ar France e a favore di Air One, come mai? Come mai si è arrivati a dichiarare che si preferiva il fallimento di Alitalia? Perchè un'Alitalia fallita si potrebbe comprare per un tozzo di pane e diventare un altro pezzo dell'impero di Berlusconi.

La bramosia dell'uomo non ha limiti nè confini. Ulteriore dimostrazione di quello che siamo noi italiani.

Dal punto di vista umano, politico, sociologico, democratico, che futuro ha un paese governato in questo modo? Che futuro ha un paese in cui il conflitto di interesse è giunto a simili livelli di paradosso, per cui il maggior politico dell'attuale opposizione (futura maggioranza, temo) è in grado di pilotare un'operazione di tali dimensioni per favorire il gruppo guidato dai propri figli, cioè da sé stesso. Questo non è conflitto di interesse, è semplicemente aver piegato tutto il paese a disposizione di un solo interesse. c'è da riflettere sul senso delle parole. L'Italia è ancora una democrazia? Basta l'illusione di andare a votare per ritenere di essere un paese libero? Io ho l'impressione che la dittatura degli interessi di Berlusconi abbia già preso il sopravvento su quel minimo di ridicola dialettica democratica che ci illudevamo di avere. La tirannide del capitale berlusconiano è entrata ormai nella sua ultima fase. Dopo le prossime elezioni Berlusconi aprirà il processo di identificazione di sé stesso con la patria, dei suoi interessi con quelli degli italiani. C'è da sperare che qualcuno scopra il petrolio in val padana, così gli americani verranno a detronizzare il tiranno e a liberare il paese portandoci la democrazia, altrimenti siamo fottuti.

Mah...

3 commenti:

  1. almeno lui cerca di fare qualcosa.
    i politici specialmente di sinistra sono assolutamente esperti nel parlare senza fare nulla e soprattutto negare i milioni di euro che nascondono.
    sarebbe forse meglio far finta di non avere il becco di un quttrino e farci rubare alitalia. ci rendiamo conto a quanto la vogliono comprare???? non facciamo gli ipocriti

    RispondiElimina
  2. Ha dichiarato che i suoi figli non si tirerebbero indietro, vista la situazione precaria di Alitalia.

    RispondiElimina
  3. sarà la prima volta che non milamento se berlusconi si piglia alitalia. tanto i francesi la comprerebbero per spolparla, tenersi il meglio e lasciarci i tozzi, la bandierina a noi. comprare alitalia fallita significa avere la forza economica e le capacità di rimetterla in piedi, non è roba da poco.

    il problema è essere arrivati a svendere alitalia al peggior offerente(air france l ho detto, air one la userebbe per aumentare la forza e il rpestigio(il marchio alitalia nonostante tutto è sinonimo di qualità)

    RispondiElimina