14 marzo 2008

La morte e altri démoni

La guerra degli americani contro il terrorismo ha riportato un'altra fondamentale vittoria. Una delle principali collaboratrici di Bin Laden? Una pericolosa propagandista del terrorismo internazionale? No. Più semplicemente i valorosi e intrepidi soldati americani hanno ucciso in Iraq una bambina di dieci anni, naturalmente perchè sospettata di terrorismo... una bella accusa di terrorismo non la si nega a nessuno.

A proposito, è di ieri la notizia che un rapporto della CIA ha escluso in via definitiva che Saddam Hussein coltivasse rapporti di qualsiasi tipo con la rete di Al Qaeda. Chi ha buona memoria ricorderà che la guerra contro l'Iraq fu scatenata per due motivi. Il primo erano le famigerate armi di distruzioni di massa, il secondo la complicità di Hussein con Bin Laden. In tanti anni gli americani non hanno trovato nemmeno una bombetta puzzolente in tutto l'Iraq, e non hanno trovato nemmeno un messaggio di auguri per il compleanno tra Bin Laden e Saddam Hussein.

Adesso lo sanno anche gli stupidi (chissà quando la notizia arriverà al centrodestra italiano?). La guerra contro l'Iraq ebbe un solo motivo: il petrolio (a proposito a quanto è arrivato? a 110 dollari? saranno contenti gli amici di Bush e Cheney che col petrolio si arricchiscono)! Decine di migliaia di morti, un genocidio culturale, danni irreparabili alla memoria storica e archeologica dell'umanità, una ferita tra occidente e mondo islamico che non si rimarginerà per decenni. Ma almeno ci possiamo togliere la soddisfazione di dire che Bush e tutti i suoi leccaculo, compresi quelli italiani, sono solo assassini, complici di assassini, apologisti di assassini. Bella soddisfazione! E il meglio è che c'è gente, in Italia, che in Iraq non vede l'ora di tornarci!

Beh... lo sappiamo che i politici mentono. Ma il fatto è che lo sapevamo anche quando scoppiò la guerra, quando gente come Ferrara - che piange per i poveri feti abortiti - esultava a ogni scoppio di bomba. Farebbe piacere se Ferrara piangesse per questa bambina di dieci anni ammazzata come un cane dagli esportatori di democrazia, ma, ahilei, è cresciuta troppo, se fosse stata un feto, allora sì che avrebbe meritato qualche lacrima.

1 commento: