06 maggio 2008

Fatevi ammazzare, ma non dagli italiani

Bisogna essere fortunati anche nella scelta delle persone da cui farsi massacrare: se Nicola Tommasoli si fosse fatto ammazzare da una banda di feroci extracomunitari, di criminali romeni, di terroristi islamici, allora avrebbe avuto la solidarietà delle istituzioni, il presidente della camera dei deputati si sarebbe strappate le vesti, il parlamento avrebbe convocato una seduta straordinaria per condannare, per esprimere solidarietà, per discutere leggi eccezionali. Qualcuno avrebbe invocato le ronde, i pogrom, le camere a gas contro gli odiosi e odiati stranieri. La morale è ovvia: se si vuol far notizia bisogna farsi ammazzare dagli stranieri.

Invece gli assassini sono italiani, anzi, padani e per lo più di destra e, ovviamente, di "buona famiglia".

Che roba. Non solo la cosa non deve far notizia, ma deve essere depotenziata. Il sindaco sostiene che si tratta di un caso sporadico, il presidente della camera che è peggio bruciare una bandiera.

Tra poco la notizia sparirà dalle prime pagine e nessuna legge eccezionale verrà promulgata. Figurarsi...

Se un omicidio commesso da romeni provoca la richiesta di espulsione di tutti i romeni presenti in Italia, mi chiedo come mai non ci siano parallele richieste di leggi eccezionali contro i neofascisti e i neonazisti. Evidentemente c'è un corto circuito nel "cervello" della nsotra classe politica.

3 commenti:

  1. il titolo è, ahinoi, splendido nella sua amara ironia

    RispondiElimina
  2. Perfettamente d'accordo. Dobbiamo resistere, con ogni mezzo all'ondata neo-fascista che si respira in questi giorni!

    RispondiElimina
  3. caro alessandro,credo che ancora non abbiamo visto niente........
    ci aspettano,ahimè,tempi duri
    un abbraccio dalla finalmente soleggiata milano

    RispondiElimina