19 giugno 2008

Io e te, sotto tre metri di merda

Non mi appassiona più di tanto il problema delle intercettazioni telefoniche, certo mi fa schifo che la destra si preoccupi solo di proteggere "qualcuno", tuttavia poichè mi fa schifo la destra e tutti quelli che la votano, non mi emoziono più di tanto.

Non riesco nemmeno a far la faccia stupita per il fatto che si stia cercando un modo per bloccare alcuni processi, mi dispiace dirlo, ma nella legislatura destrorsa precedente i provvedimenti di questo tipo furono tanti e tanto gravi che quello di oggi, al confronto, è un piccolo furtarello di marmellata. Il grande capo vuole essere protetto dai processi e vuole essere fatto "santo subito"? Lo facciano pure, tanto più schifo dello schifo non si può provare.

Vogliono distruggere la scuola pubblica (centomila insegnanti in meno...) e contemporaneamente ricoprono di oro le scuole dei preti? Vabbè tanto chi nasce baciapile muore clericale. E poi è ancor più grave il fatto che per processare un prete si dovrà avvertire il suo vescovo. Poveri vescovi, con tutti i preti pedofili che devono proteggere, nascondere e coprire, passeranno il tempo a parlare con i procuratori della repubblica. Al limite gli italiani impareranno prima o poi a non mandare i loro bambini in chiesa, non ne potrà venire che del bene.

Vorrei dire che mi fanno impressione le facce dei nostri governanti e vorrei utilizzare tutta la mia ben nota capacità coprolalica per definirli, ma tanto anche questo è ormai un esercizio di vacuità e lascio perdere...

A me piacerebbe guardare a tutte le schifose iniziative di questo schifoso governo con uno sguardo smagato e rassegnato, ma poi non sono capace di non incazzarmi di fronte a chi ci "governa" e quello che mi fa più schifo è che la maggior parte degli italiani questo governo lo approva e lo ama. Evidentemente guardano i loro governanti e scrivono sul muro "io e te sotto tre metri di merda" guarnendo il tutto con un cuoricino.

Nessun commento:

Posta un commento