24 luglio 2008

La dittatura

 

  1. Un governo che calpesta, irride e violenta la costituzione repubblicana antifascista
  2. l'esercito che presidia le città, usato contro i cittadini che protestano, la paura della repressione e della cancellazione della libertà di pensiero e di parola;
  3. l'esistenza in vita in quanto clandestino considerata aggravante per qualsiasi reato e la trasformazione dei sindaci in agenti segreti contro gli immigrati;
  4. i pogrom mediatici (per ora) contro rom e immigrati in genere;
  5. le aggressioni fasciste contro gli omosessuali e il rinascere del razzismo nazileghista contro gli italiani del sud;
  6. il progetto di prelevare le impronte digitali (e, prima o poi, anche il DNA) dei cittadini;
  7. il riconoscimento ufficiale che non tutti sono uguali dinanzi alla "legge" ma che qualcuno è immune dal dovere di rispettare le leggi;
  8. il ripristino dell'immunità parlamentare: autorizzazione a delinquere da parte di un parlamento che sarà allora ufficialmente delinquente;
  9. il bavaglio contro la stampa e la "libera" informazione;
  10. il monopolio televisivo che ormai si mostra in tutta la sua violenza senza alcuna vergogna o pudore;
  11. l'insensibilità diffusa dai media di regime, per cui la vita dello straniero è non-vita (tanto che due cadaveri di bambine rom non suscitano alcuna pietà in chi continua  a balneare tranquillamente);
  12. la progressiva distruzione della scuola pubblica a favore delle scuole pretesche;
  13. l'impoverimento di tutti a favore dell'arricchimento dei soliti borghesi;
  14. l'affidamento della vita di tutti alla violenta e deturpante etica papalina e clericale;
  15. la riforma dell'ordine giudiziario che sancirà la concentrazione nelle medesime mani oltre che del potere legislativo e di quello esecutivo (come avviene già adesso) anche del potere giudiziario.

berlini1 Che altro manca per parlare di dittatura? Che altro serve per dire che in questo paese non c'è libertà, non c'è garanzia, non c'è democrazia? Gli italiani si accorsero di chi fosse Mussolini soltanto dopo il delitto Matteotti, ma era già troppo tardi. Possiamo evitare che si sparga del sangue (e non solo metaforicamente)?

L'Italia di oggi, pochi mesi dopo le elezioni, è questo deserto privo di libertà. Cosa diventerà dopo un anno di dittatura? cosa diventerà dopo cinque anni di dittatura? cosa diventerà dopo dieci o venti anni di dittatura?

22 commenti:

  1. Manca solo una cosa per parlare di dittatura, ma è una cosa fondamentale:
    una opposizione vera che faccia Resistenza!

    RispondiElimina
  2. Purtroppo niente di nuovo sotto il sole.Forse rivedremo un film già visto.L'ultimo baluardo in cui confidavo,il pres.Napolitano,non si è comportato come io speravo.In attesa di eventi peggiori.....Cesare G.

    RispondiElimina
  3. Approvo e sottoscrivo. Posso quotare il tuo post sul mio blog? Intanto ho pubblicato un contatore di durata del regime, a partire dall'approvazione del Lodo Alfano.

    RispondiElimina
  4. bisogna ripartire da una constatazione: l'Italia è un paese che è rimasto sempre fascista. La democrazia ce l'hanno imposta con i carrarmati i paesi democratici "alleati" nel '45, fatta eccezione per una minoranza di Italiani (i partigiani e quanti erano sincerametne dalla parte della Resistenza). Ma la maggioranza di Italiani vede di buon occhio l'idea di avere un capo, anzi un boss a cui ubbidire. Per quexsto i meridionali votano in massa per i mafiosi e i setttentrionali in massa per gli amicissimi dei mafiosi. Ecco perchè la maggioranza degli italiani vede nella magistratura un problema, la giustuizia è un concetto troppo evoluto e democratico per l'italiano medio.
    A chi l'Italia? A LORO!

    RispondiElimina
  5. condivido, non solo la scuola. Non si parla mia abbastanza di sanità. Fioriscono ovunque cliniche private. Pensate ai giornali, alle case farmaceutiche, ai treni, all'alitalia. Piochè la sindrome del primo ministro é evidente mi aspetto cose da pazzi. Se la matematica non é un'opinione il bello deve venire, ora che si sente impunito. Ha coronato il suo sogno, essere superiore alla legge, che mi pare sia il modo di ragionare del comune delinquente, dall'età della comprensione sino alla fine della vita.

    RispondiElimina
  6. Scusa, ma in che nazione vivi?

    RispondiElimina
  7. Mai avrei pensato di trovarmi in un paese in piena deriva fascista... Speriamo in bene, ma prepariamoci tutti al peggio, perché io la vedo male. Molto male.

    RispondiElimina
  8. I 15 punti coincidonom esattamente con l'inizio del fascismo e sento di non essere il solo ad avere questa triste sensazione. Oggi l'oliom di rigino viene sostituito con le supposte alla glicerina e a differenza di allora l'opposizione si annulla da sola senza che il Duce Silvio la costringa al silenzio.
    Spero solo che durerà 20 mesi e che però non via un pIazzale loreto. Io sono uno di sinistra che rispetta gli altri, anche gli avversari.
    Ma per favore facciamo qualcosa, diventiamo anche noi i nuovi partigiani insiema a Di Pietro, Grillo, Travaglio etc.....

    RispondiElimina
  9. direi che se la vita è questione di culo ..... lui ce lo sta' facendo!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  10. Sono tutti narcotizzati da 20 anni di "rincoglionimento" televisivo.
    Questo è un progetto che nasce da lontano e che solo ora sta andando a compimento.
    Cosa fare? Forse un modo ci sarebbe....a buon intenditor..!!

    RispondiElimina
  11. bisogna dare forza ad Antonio Di Pietro l'UNICO che in Parlamento ha il coraggio di dire come stanno le cose. Bisogna fare buona propaganda con chi conosciamo: i parenti, gli amici, i conoscenti xchè appoggino le iniziative di Antonio Di Pietro e poi lo votino alle prossime elezioni. Intanto sta preparando la raccolta di firme per abrogare il Lodo Alfano:ANDIAMO TUTTI A FIRMARE !!!

    RispondiElimina
  12. ragazzi il problema e' un altro: la gente e' con lui. C'e' poco da fare. Rassegniamoci.
    L'italiano medio ragiona cosi': "Se io avessi dei processi in corso e avessi la possibilità di cambiare la legge a mio vantaggio, lo farei ?" La risposta e' "SI"

    Valori, costituzione, dignita', bla , bla, bla...tutte chiacchere.

    L'italiano vuole berlusconi, veline, tette, culi, champions league.

    Che costituzione, che lodo , che processi ?? Non sanno neanche di che cosa stiamo parlando.

    RispondiElimina
  13. Solo una metà degli italiani vuole Berlusconi e le sue leggi personalizzate. Se vogliamo evitare di ritrovarci tra breve strozzati non solo da una dittatura che ci impedisce di parlare liberamente e di muoverci liberamente, ma da un autentico disastro economico che porterà la FAME in migliaia di famiglie E' ORA DI DARSI UNA MOSSA: io sto con Di Pietro. E se ci sto io che sono Veronica.........

    RispondiElimina
  14. Ehhh...arriverà anche per lui il momento in cui riceverà la visita della Signora con la Falce Vestita di Nero che lo apostroferà:-" E ADESSO FATTI PROCESSARE,BUFFONE!" E lui, ergendosi sui 7/8 centimetri dei suoi tacchi griderà istericamente:-"c'è qui un poliziotto?? prendete le generalità di questa tizia!"

    RispondiElimina
  15. manca il fatto che nel nostro paese il diritto alle opportunità e il principio della redistribuzione delle risorse al fine di rendere tutti gli uomini liberi di vivere una vita dignitosa sono diventate favole per bambini!!!!

    RispondiElimina
  16. alle urla scomposte dei politicanti professionisti di " sinistra":bisogna cambiare il modo di comunicare alla gente. Ogni volta che si utilizzano, anche se in negativo, le espressioni linguistice proprie dalla destra per propagandare i loro principi e modi di inendere la politica, non si fa altro che darsi la zappa sui piedi: si viene attirati nella loro visione del mondo.

    RispondiElimina
  17. ho commentato tempo una delle tante decisioni del "governo" con la frase:" prove tecniche di regime"
    purtroppo non mi sbagliavo...

    RispondiElimina
  18. Gli italiani sono al 64% di destra, come risulta dalle ultime elezioni.Cosa dire!!
    Ogni popolo ha il governo che si merita!

    RispondiElimina
  19. forse, aldilà delle Alpi, c'è chi pensa che sia ora di porre fine ad un esperimento iniziato 148 anni fà e chiaramente fallito.
    "Agli uomini sta bene essere schiavi"
    Tiberio (e Berlusconi?)

    RispondiElimina
  20. il governo mafionazifascista non si è smentito neanche questa volta

    RispondiElimina
  21. Con questo governo è possibile dialagare solo se accogli pienamente le loro leggi "fasciste"
    E' ora passata di scendere in piazza ad oltranza e resistere a questi ladroni, che stanno prendendo per i fondelli tutti gli Italiani, con le loro bugie e sorrisini di sufficenza o scrollando la testa in segno di no, quando qualcuno gli contesta il loro operato.Cercano sempre di far passare i loro oppositori come dei deficenti!!!

    RispondiElimina
  22. GLI ITALIANI NEGLI ULTIMI 20 ANNI SONO PASSATI DA UNA POSIZIONE ERETTA A UNA POSIZIONE A 90 GRADI. QUANDO CAPIRANNO DI MANDARE VIA A CALCI IN CULO QUESTA MERDA DI UOMO?

    RispondiElimina