25 agosto 2008

Ha detto una minchiata!

 

Questa volta sono d'accordo con il cardinale Bagnasco. La chiesa, pur non essendo un partito politico ufficiale si è sempre occupata di politica. Anzi, la chiesa cattolica, da un certo punto di vista, ha inventato la politica moderna con i suoi uomini, da Tommaso d'Aquino a Maritain, assumendo, molto spesso, il ruolo di protagonista degli eventi storici.

Cacciare la chiesa dalla politica, voler impedire alla chiesa di fare politica, voler impedire ai preti, ai vescovi, al papa di avere posizioni politiche e di propagandarle è assurdo e anche molto ingenuo. La chiesa non potrebbe esistere senza far politica. Chiedere alla chiesa di disinteressarsi di politica è chiederle il suicidio e, si sa, i preti sono contrari al suicidio.

Che papi e cardinali, dunque, continuino a esprimere liberamente le loro opinioni politiche. Noi li ascolteremo e, dopo averli ben compresi, continueremo a spernacchiarli.

Sì, perché se la chiesa vuole stare nel gioco delle opinioni politiche deve accettare le regole del gioco. Ognuno esprime la sua opinione, ognuno la difende, ma tutte le opinioni rimangono al di qua delle regole della logica.

Si chiama relativismo, a meno che il papa non rimpianga l'assolutismo!

Quando il papa parla di dio, parla a chi è tanto ingenuo da credergli; quando parla di politica parla a tutti, soprattutto a quelli che sono in grado di capirlo e di contraddirlo.

L'opinione politica del papa, quindi,  vale quanto la sua capacità di argomentarla e non certo quanto il suo potere di strombazzarla ai quattro venti. Una minchiata detta da un papa, ancorché trasmessa a reti unificate e incensata dai vari giornalisti di regime (clericale), resta pur sempre una minchiata.

E il papa non deve incazzarsi se un bambino, durante un solenne Angelus, mentre tutti genuflettono e adorano, punta l'indice e dice: «ha detto una minchiata!».

Anche perché, a mio modo di vedere, ne dice tante che anche i bambini se ne accorgono!

8 commenti:

  1. non dire puttanate

    RispondiElimina
  2. Per adesso, è la Chiesa che spernacchia quelli come te. Non solo, ma quando leggo "parla a chi è tanto ingenuo da credergli", penso di avere a che fare con un integralista peggiore dei peggiori cattolici fondamentalisti.
    La cosa che gli idioti non riescono a capire (perché sono idioti) è non esitono, a priori, minchiate dette dal papa, e verità rivelate contrarie a quanto dice il papa dette dagli idioti, e dunque meritevoli di essere seguite.
    Dunque, tra gli idioti e il papa, io scelgo il papa. Mi sta più simpatico. O comunque, meno antipatico.

    RispondiElimina
  3. è inutile che vi incazziate...delle minchiate ne ha dette ,ne dice e continuerà a dirne.

    RispondiElimina
  4. Che Kalash scelga il papa l'ho capito fin dai suoi commenti a un mio post del maggio scorso (http://tinyurl.com/5svy85). Che poi un laico non possa dare dell'ingenuo a chi crede che esista un uomo infallibile (quando parla ex cathedra su questioni di fede e di morale...) mi pare un esempio della democrazia secondo i cattolici. Però un cattolico può dare, con coscienza pura, dell'idiota agli altri ma visto che prima, per un post come questo mi avrebbero bruciato vivo, sono contento di beccarmi "soltanto" dell'idiota. Per quanto riguarda l'accusa di apriorismo, faccio notare che è apriorista chi ritiene che qualcuno sia "a priori" infallibile. Per quanto mi riguarda dico tante di quelle minchiate che ho perso il conto, ma non mi adombro se qualcuno me lo fa notare: non pretendo di essere infallibile, non parlo in nome di qualcun altro, tantomeno in nome di una divinità. L'unica cosa che mi dispiace è di essere antipatico a Kalash, lui, invece, mi è simpatico e lo apprezzo pur nella divergenza di idee.

    RispondiElimina
  5. Di minchiate ne hai scritte. Impara a rispettare il prossimo nelle loro idee e credo. Credere in Dio, invitare a promulgare leggi che non ledono la dignita dell'uomo è politica? In ogni caso informtevi sulla Chiesa e poi se volete criticate.

    RispondiElimina
  6. «invitare a promulgare leggi che non ledono la dignita dell'uomo è politica?»


    Aver paura di esprimere le proprie idee con il proprio nome è cristiano?
    No (Mt. 10,27; Lc. 12,3)

    RispondiElimina
  7. certo che il Papa ci spernacchia..

    spernacchierei anche io fossi al suo posto.
    se la mia organizzazione prendesse un miliardo di euro l'anno dalle casse dello stato, se potessi nominare attraverso i miei vescovi i docenti della scuola pubblica, se la mia prelatura personale controllasse il sistema sanitario di diverse regioni italiane, se avessi una classe politica totalmente prona ai miei monati..
    altro che pernacchie..

    RispondiElimina
  8. Vinland, sono perfettamente d'accordo con te, tranne che per un "piccolo" particolare. Secondo il - prudente - computo di Curzio Maltese nel libro "La Questua", la chiesa cattolica costa ai contribuenti italiani una cifra di circa 4 miliardi e mezzo all'anno

    RispondiElimina