16 agosto 2008

La hitler-jugend

Come si può tollerare questo esercito di terroni che si avventa sulla pura razza padana con intenzioni chiaramente criminali? D'altra parte, come detto da illustri esponenti dell'etnia padana, gli abitanti delle brumose pianure del nord sono "etnicamente superiori" agli abitanti della altre plaghe italiane.
I ragionieri/guerrieri con  lo spadone hanno quindi trovato un nuovo obiettivo: i presidi del sud! C'è da capirli: nati, molti anni fa, come club di antimeridionalisti, che esprimevano il proprio razzismo nei confronti degli immigrati del sud Italia, in nome delle alleanze sono stati costretti a mettere da parte l'antimeridionalismo e si sono scagliati contro un nemico più facile da colpire, gli immigrati stranieri.
La scuola, però, è diversa, nella scuola non ci sono (ancora) insegnanti e presidi di origine straniera, ma ci sono tutti questi terroni, che parlano con accenti strani, che vengono da quella parte del mondo che non è ancora Italia e non è più Africa: non si può mica tollerare che un esercito di insegnanti e presidi terroni pretenda di insegnare qualcosa ai padani, etnicamente superiori, non si può tollerare che un terrone si arroghi l'assurda pretesa di bocciare un giovane padano.
Alla fin fine, ai tempi della buonanima, un ebreo non poteva andare a scuola assieme a un italiano, oggi un padano non ha da imparare nulla da un terrone. Logico?... Folle?... Disgustoso?
In fondo, a essere disgustoso è questo coacervo di razzisti che è andato al potere grazie al fatto che si è attaccato al carro di chi è interessato soltanto a difendere se stesso e i propri affari ed è totalmente disinteressato del resto. Adesso l'Italia è diventata la terra che abbandona per terra donne ammanettate, che prende le impronte digitali ai bambini, che viene considerata in tutta Europa la nuova patria del razzismo, ovvio che anche i terroni, adesso, tornino al centro del mirino. Siamo pronti... a settembre si aprirà il tesseramento per la hitler-jugend; c'è da scommettere che ci saranno milioni di iscritti: in fondo è la "democrazia", no?

7 commenti:

  1. Quello che ha portato allo sfascio attuale ed ha alimentato anche il razzismo leghista è questa demenziale cultura marxista da sociali smo reale che ha prodotto il debito pubblico, il moltiplicarsi del sottogoverno e la parali si totale di ogni servizio pubblico.
    Ma che vi siete messi in quella zucca vuota, che gli italiani abbiano voglia di lavorare, destinando metà di quello che producono per mantenere pseudointellettuali a caviale e champagne, politicanti da arricchire, profes
    sori ignoranti e burocrati nullafacenti.

    RispondiElimina
  2. no che gli italiani abbiano voglia di lavorare destinando metà di quello che producono per mantenere ignoranti legaioli che bivaccano a nostre spese a roma, professori ignoranti che non hanno vinto un concorso ma sono raccomandati dal vaticano e burocrati nullafacenti di stampo democristiano oltre a tanta "brava gente" con le mani in pasta nella torta mafiosa

    RispondiElimina
  3. Guarda che la maggior parte degli pseudointel lettuali conoscono a malapena Marx e Lenin, non sanno risalire a Hegel nè a cosa Hegel ha capito male di Kant e se a malapena arrivano a Heidegger , fanno festa perchè con uno che dice tutto ed il contrario di tutto ed è tal mente criptico che ciascuno può capirlo a mo
    do suo, ci legano tutti i loro vaneggiamenti.
    Una cosa sola hanno capito, che il socialismo reale prevede sterminate burocrazie che vivo
    no a sbafo alle spalle di chi lavora.
    Poi, se un professore asino è raccomandato da
    vescovi e cei, altri cinque sono raccomandati
    dal Partito.
    Quando sostenevo i miei esami,c'erano file di
    sessantottini che, col piano di studi, toglie
    vano gli esami difficili e li sostituivano
    con esami omplementari, fatti da prof. marxi sti e che andavano a sostenere col libretto
    di Mao in mano per chiedere il voto politico.
    Questi poi sono dilagati nelle scuole, ma an
    che nelle università ed in parlamento.

    RispondiElimina
  4. All'anonimo che ha detto.Sei veramente grande non mi era mai capitato di leggere in così poche righe una quantità tale di luoghi comuni;sei addirittura più bravo di Gasparri.

    RispondiElimina
  5. Beh, che c'è di male a esser razzisti? IO lo sono. Il razzista ha una scala di valori. E nella mia scala di valori di "terrone" i leghisti sono situati DOPO i pidocchi

    RispondiElimina
  6. ma tu che parli tanto di padani ma tu sei sicuro di essere padano?perchè visto che noi terroni abbiamo doti nascoste che a voi padani mancano però alle padane piacciono e poi parlate tanto ma non si vedono i fatti noi veniamo in padania e comandiamo.

    RispondiElimina
  7. scusate ma dov'è il problema? MA DOVE SONO I PADANI? sfido chiunque a contarli: bossi è sposato con una meridionale e i suoi figli non sono puri padani; tremonti la mamma è di AVELLINO......solo maroni ,forse calderoli e scusatemi la franchezza SI VEDE....e poi dopo 30 anni d'insegnamento si sono accorti???????? all'estero?

    RispondiElimina