15 settembre 2008

Bizzarro

Il papa, di passaggio per andare a Lourdes e prima di accusare milioni di persone di essere dannose per la società, ha spiegato ai francesi cos'è la laicità. E già questo fa un po' ridere.
Piuttosto bizzarro che il sovrano dello Stato della Città del Vaticano, cioè l'unica vera teocrazia ancora esistente al mondo (in confronto l'Iran di Ahmadinejad è un paese laico e progressista), vada a insegnare i princìpi dell'Ottantanove a quelli che li hanno inventati.
Così come è bizzarro che sia un "verginello" a spiegare a persone con normali vite sessuali come avere rapporti di coppia (e soprattutto come e perchè non averli), un celibe a spiegare alle famiglie cosa è una famiglia, un maschio a dire alle donne perchè non devono abortire, un prete a ordinare a medici e farmacisti quali farmaci prescrivere e vendere, il comandante in capo di un esercito a fare prediche sulla pace, il successore di un uomo morto in circostanze "sospette" a proibire che si possa anche solo parlare di eutanasia, il teologo ultraconservatore che sta cancellando il concilio a dare lezioni sulla modernità.
D'altra parte, non è bizzarro che l'Italia, nata grazie a un lungo processo di emancipazione dalla dominazione papale sia diventato lo stato più clericale del mondo? Non è curioso che la morale pubblica venga dettata da persone tutt'altro che irreprensibili nel privato? Non è curioso che sia la chiesa a dire allo stato ciò che deve e non deve fare?
Tutto è bizzarro in questo mondo alla rovescia.

Nessun commento:

Posta un commento