09 settembre 2008

L'uccello padùlo...

Io non sono un economista, anzi... perciò gradirei che qualcuno rispondesse a una domanda che da qualche giorno mi frulla per la testa.
Il governo ha abolito l'ICI, una tassa che colpiva la casa, di proprietà, istituendo una sorta di progressività tra chi possiede case con quindici stanze e chi possiede monolocali.
Adesso al posto dell'ICI sarà varata una tassa "sui servizi erogati dai comuni" una tassa non più basata sulla casa posseduta ma sul fatto stesso di risiedere all'interno di un dato comune e che assommerebbe in sé le tariffe che si pagano adesso, oltre, naturalmente a contenere la vecchia ICI sotto falso nome.
Se le cose dovessero stare così, prima il possessore del monolocale pagava 100 euro, il possessore della villa ne pagava 900. Adesso, poiché entrambi risiedono all'interno del territorio comunale e poichè il comune avrà comunque bisogno dei 1000 euro di tasse che gli derivavano dall'ICI, finiranno col pagarne 500 per ciascuno? Se la tassa sui servizi fosse basata sulla grandezza dell'abitazione di residenza (quindi non sulla proprietà), significherebbe che la pagherebbero anche coloro che abitano una casa in affitto? Se fosse basata sulla proprietà della casa e sulla sua grandezza, quale sarebbe la differenza con l'ICI? Se fosse una tassa basata solo sulla residenza, sarebbe una sorta di super-IRPeF comunale? E se così fosse chi impedirebbe ai comuni di aumentare tale tassa per finanziare le sagre sul formaggio scaduto e quelle sull'anguria avariata?
Non è che questa storia dell'abolizione dell'ICI è come la storia del mitologico uccello Padùlo?

14 commenti:

  1. non esiste nessuna tassa aggiuntiva ne in progetto ne in pensieri

    RispondiElimina
  2. documentati ......

    RispondiElimina
  3. Se l'Ici era un uno dei più grandi sostentamenti per i vari comuni era logico che s'inventassero una tassa con un altro nome.

    RispondiElimina
  4. sì, infatti, hai ragione: è proprio l'uccello badùlo che i nostri governanti ci fanno volare all'altezza del...

    RispondiElimina
  5. Vorrà dire che lo strano uccello venga tolto dal proprio retto e trasferito nel retto del vicino !

    RispondiElimina
  6. maledetto erlusconi di merda ma perchè i tuoi genitori non sono andati al cinema quella sera

    RispondiElimina
  7. cazzo ma è mai possibile che me la prendo sempre in culo qualsiasi governo cambi..ma io no nce la faccio + ad andare avanti...sono da poco sposato...abbiamo una sola macchina non andiamo al cinema non andiamo al rist e neppure in pizzeria...ma per campare cosa cazzo devo fare dare via il culo porca puttana...
    ogni giorno togono una tassa e se ne inventano u'altra..rivoluzione rivoluzione rivoluzione

    RispondiElimina
  8. Le sagre non sono finanziate dai Comune che purtroppo finanziano ben altre cazzate.
    Le sagre si atofinanziano con il lavoro volontario di pochi stronzi che ancora credono nel volontarito e si divertono a differenza di tanti, troppi inutili individui che passano il loro misero tempo in seghe mentali o in altro
    sarebbe curioso che si addebitassero i dissesti finanziari dei Comuni alle sagre o ad altre iniziative di puro volontariato.
    Scendete dai vostri pidistalli e sporcate le vostre delicate manine vi farebbe molto bene alla salute ed al cervello

    RispondiElimina
  9. IL GIORNO IN CUI BERLUSCONI SCHIATTERA' DOVRA' ESSERE FESTA NAZIONALE !!!!!

    RispondiElimina
  10. Non sembra esserci un tassa in sostituzione dell'ICI, almeno in tutti i provvedimenti passati in Parlamento finora. Certo che adesso se i Comuni vogliono far quadrare i bilanci sono due le ipotesi: o si dovranno inventare un'altro tipo di entrata oppure dovranno tagliare le spese (servizi, personale, ecc.. Se così non fosse significherebbe che i soldi pagati finora per ICI sulla prima erano praticamente in più e quindi che se se li so' proprio magnati!!!!! Insomma, mettiamola come volgiamo ma l'uccello padùlo volteggia minaccioso; ma sempre per gli stessi! Purtroppo....

    RispondiElimina
  11. ed io continuo a chiedermi: " ma chi l'ha votato questo signore?" Ciao, marina

    RispondiElimina
  12. mi sa che hai ragione
    Fra

    RispondiElimina
  13. Quelli che si erano illusi che questa coalizione costituita dai peggiori superstiti della D.C.e del PSI con l'imbarco dei neofascisti, i quali stanno dimostrando che più che neo SONO FASCISTI e in più i Leghisti che hanno un senso dello stato che ve lo raccomando.
    Adesso spero che capiranno che Tremonti col piffero che si preoccupa di risolvere i problemi di quelli che hanno difficoltà ad arrivare alla fine mese.
    Così è successo che all'uccello Padulo ci dobbiamo beccare pure l'uccello Padano,quello che vola all'altezza dell'ano!

    RispondiElimina
  14. Come hai capito, l'uccello Padùlo vola sempre all'altezza di quelli dei soliti!
    Cosa fanno i soliti? niente...subiscono!! Insomma, li aiutano allargando le chiappe.
    Sarà sempre così fintanto che non torneremo uniti in piazza!
    Non contro la destra, non contro la sinistra, ma contro il sistema guidato dalla nostra politica ed attuato già da subito dopo la promulgazione della Costituzione.
    I politici (sovrani) sono i primi a calpestarla, seguiti da industriali, impresari, notai e molti altri (nobili). I lavoratori (il popolo, dichiarato sovrano ma in realtà trattato alla stregua della peggior "peblaglia") continua a subirla! Prima almeno, quando la comunicazione era affidata ai colombi, quest'ultimo riusciva a DIALOGARE, UNIRSI E LOTTAVA PER LA SUA DIGNITà!

    RispondiElimina