04 settembre 2008

Scuola per il bambino unico

Le cose peggiori i governi da noi le fanno ad agosto. Come, per esempio, i decreti che stanno distruggendo la scuola, a partire dai livelli più bassi, che poi, a detta di tutti, in Italia sono i più alti. Interessante, perciò, il dibattito che si è svolto ieri pomeriggio su Sky Tg24, a cui la ministra Gelmini, per motivi suoi, non ha partecipato. Cosicché, essendo i presenti tutti interni al mondo della formazione, il giudizio sulla misura del governo è stato puntuale e negativo. A parte la ministra Meloni, che è intervenuta solo per telefono, per ricordare che, in tutta la sua carriera scolastica, è sempre stata abbonata al sette in condotta, pur senza essersi mai macchiata di bullismo (almeno prima di partecipare al governo Berlusconi). Gli altri partecipanti al dibattito hanno ricordato che di fatto il governo sta tagliando 8 miliardi di finanziamenti e 140.000 insegnanti. E tutto il resto (grembiulino e voto di condotta) è spot, come i soldati di La Russa. Perché, oltre al maestro unico, si vuole una scuola repressiva che sforni il bambino unico.

1 commento:

  1. è impressionante quanto sta accadendo. si cambia il direttore dell'ASI, l'astrofisico Bignami, per mettere Saggese, responsabile spazio di Finmeccanica che riceve dall'ASI l'80% dei fondi. si taglia l'unico grado di istruzione in cui siamo nei primi in europa. si pensa di mettere un voto in condotta e tornare al grembiulino, come se tornare agli anni 60, in cui eravamo tutti più giovani e belli, faccia credere a tutti di essere anche più ricchi ed ancora in boom economico.
    sinceramente, sono molto preoccupato per i miei figli.

    RispondiElimina