19 febbraio 2009

Il futuro politico di Veltroni

Dunque, appena nato il PD ha affossato il governo Prodi. Veltroni ha intrapreso una efficacissima campagna per distruggere tutto quello che c’era alla sinistra del PD, ha fatto un’alleanza con Di Pietro e senza la sinistra che ha consegnato il paese alla dittatura, ha poi cominciato a far fuori il PD, facendo di tutto tranne che opposizione, tanto che Di Pietro e Casini appaiono quali oppositori più credibili. Ha condotto il PD a una sconfitta dopo l’altra permettendo al peggior governo, alla peggior alleanza e alla peggiore feccia politica degli ultimi 60 anni di presentarsi come illuminati statisti. Ha cominciato a parlare di dialogo, di collaborazione e di fair play mentre “il principale esponente dello schieramento avversario” usava le armi pesanti della propaganda e della gestione disinvolta del potere dittatoriale. Infine, dopo aver fatto a pezzi qualsiasi rimasuglio di una tradizione politica ha lasciato tutto dicendo “non è il partito che sognavo”…

Ora tutti si interrogano cosa farà Veltroni! Facile, insieme a Mastella sarà il candidato a sorpresa del PDL alle prossime elezioni europee.

5 commenti:

  1. Veltroni è una Croce Rossa su cui non si sparerà mai abbastanza, per il bene di chi lo ha seguito e anche di chi fin dalla nascita del PD aveva subodorato il fallimento. Le responsabilità storiche del suo "sogno" vanno molto al di là degli effetti che vediamo ora. Ne riparliamo tra cinque anni.

    RispondiElimina
  2. Dopo mezzo secolo in cui la sinistra si era specializzata a fare opposizione (e mai a governare), Veltroni è riuscito a non fare nemmeno quella. L'unica cosa per cui però lo elogio è il fatto che si sia dimesso. Molti altri esponenti preferiscono restare legati alla poltrona anzikkè dimettersi. A mio avviso questa decisione gli fa onore. Colgo l'occasione per salutarti...sono stata assente per un po' da internet e il tuo blog mi è mancato molto!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Faccio molta fatica ad accostare Veltroni a Mastella e soprattutto a considerare Casini all'opposizione ma per il resto sono con te.
    Di Pietro oggi è l'unico che fa opposizione,
    e purtroppo è il solo ad essere credibile.
    D'Alema si è dimesso anche da parlamentare?
    Soltanto questa decisione gli farebbe onore.
    A presto

    RispondiElimina
  4. Errata corrige:
    Non D'Alema ma (chiaramente) Veltroni.
    Scusatemi

    RispondiElimina