23 febbraio 2009

Questo paese di merda

L’ultima volta che i cittadini italiani, preoccupati dell’ordine pubblico, si organizzarono in ronde erano i ruggenti anni ’20.  Da allora le cose non sono molto cambiate. L’Italia, oggi come allora, continua a essere un paese di straccioni, solo che adesso gli straccioni si sono arricchiti; l’Italia continua a essere un paese di destra, solo che se ne vergogna molto meno; l’Italia continua a essere un paese senza democrazia, solo che oggi abbiamo imparato a farne a meno.

Tra qualche giorno le ronde, costituite dai simpatici militanti di forza nuova e da altri gradevoli personaggi di questo stampo, gireranno per le città allo scopo di mantenere l’ordine. Si tornerà a dormire con le porte aperte, i treni torneranno ad arrivare in orario, impareremo che si può fare a meno della libertà in nome della salvaguardia della proprietà (per chi continuerà ad averla, cioè gli amici delle ronde).

Tra un po’ di tempo, picchiare uno “zingaro”, sparare a un “negro”, bruciare un “barbone”, linciare un “anarchico” sarà atto meritorio da additare al pubblico applauso, premiato dal governo con medaglie e premi in denaro. Per allora non potremo nemmeno fare lo sciopero della fame, perché appena proveremo a farlo ci infileranno un tubo nello stomaco per costringerci a continuare a vivere in questo paese di merda.

7 commenti:

  1. ot: mi sono iscritto ai tuoi lettori fissi., se ti va fai lo stesso ma nn sei obbligato

    RispondiElimina
  2. Quando provo a parlare di questi argomenti quasi sempre sono considerato un marziano.
    Ma dove vivo? Dentro The Matrix?
    Che tristezza

    RispondiElimina
  3. Intolleranza, razzismo..... ogni possibile violazione dei diritti umani si sta materializzando minacciosamente travestita da "sicurezza". Il muro dell'incomprensione ottusa dovrebbe proteggerci?

    Sabrina

    RispondiElimina
  4. Intolleranza, razzismo....ogni forma di violazione dei diritti umani si sta materializzando minacciosamente mascherata da "sicurezza". Il muro dell'ottusa incomprensione dovrebbe proteggerci dalla violenza?

    Sabrina L

    RispondiElimina
  5. ...e ancora ci va bene che possiamo leggere queste cose sulla rete; ma per quanto ancora ? Arriverà anche il momento in cui dovremo fare le riunioni carbonare per poter esporre le nostre idee e i nostri ideali diversi da quelli dominanti ?

    RispondiElimina
  6. Ti sei dimenticato le "nostre" ronde del pizzo, già attive da tempo :-(

    RispondiElimina