31 marzo 2009

Dalla parte del torto

Nei telefilm americani in un’ora si scopre subito tutto: poliziotti, agenti della scientifica, avvocati, medici… alla fine il colpevole si conosce, viene condannato, sconta la sua pena in carcere o sulla forca e il bravo cittadino americano va a letto contento e soddisfatto.

In Italia non capita spesso di conoscere gli assassini per nome e cognome. Aspettiamo ancora i nomi dei mandanti di Portella della Ginestra, di Piazza Fontana, delle tante stragi. Ci siamo abituati a non sapere… pazienza.

Ma questa volta i nomi degli assassini li conosciamo, ne conosciamo i volti, li abbiamo visti preparare e mettere in pratica la strage.

Alcune centinaia di uomini, donne e bambini sono morte nel Mediterraneo, affogate come topi mentre inseguivano un sogno. Persone morte in mare, sepolte in mare, lasciate crepare in mare.

I colpevoli? Li conosciamo bene. Basta prendere nomi e cognomi di tutti quei deputati e senatori che hanno votato le leggi assassine contro quelli che loro chiamano “clandestini” e che invece sono solo uomini, donne e bambini nati, per caso, dalla parte sbagliata del Mediterraneo.

Però quando guardo in faccia questi assassini in doppio petto, che “mi rappresentano” e che uccidono premendo un pulsante e approvando una legge, mi sorge il dubbio di essere nato io dalla parte sbagliata.

3 commenti:

  1. Ficarra: io sono fiero di essere siciliano perché… Arabi, Francesi, Spagnoli, Borboni… abbiamo resistito a più di mille invasioni.
    Picone: io mi vergogno di essere siciliano perché va bene le invasioni! Ma dare 61 deputati su 61 a Forza Italia… non c’avrebbero sperato neanche i Borboni.
    http://it.netlog.com/clan/About_the_world/blog/blogID=668629

    RispondiElimina
  2. Carissimo Κοπρεύς che ne pensi della nuova "crociata" della Cei a proposito di aiuto ai poveri, stato etico, immigrazione, AIDS e Africa?
    «...chi arriva sul territorio nazionale va accolto e accompagnato... Gli strumenti tecnici sono un aiuto... i paesi occidentali non assumono le iniziative giuste per superare la condizione di sottosviluppo». monsignor Crociata

    A presto o anche prima.

    RispondiElimina
  3. Carmelo Fallea2 aprile 2009 18:49

    Fiero dei miei antenati, nati chiaramente da quella parte del Mediterraneo oggi sbagliata, concordo in pieno con quanto scritto ricordando a "questi assassini in doppio petto, che “mi rappresentano” e che uccidono premendo un pulsante e approvando una legge" tempi non tanto antichi, quando eravamo noi i clandestini migranti in America,Belgio,Germania e in qualsiasi altro paese seguendo il sogno di un futuro migliore.
    Carmelo F.

    RispondiElimina