09 marzo 2009

La differenza

La differenza tra una democrazia, per quanto imperfetta e imperialista, e una clerocrazia è che nella democrazia a un presidente imbecille e bigotto può capitare che succeda un presidente intelligente e laico. In una clerocrazia essere imbecilli e bigotti è requisito essenziale per fare carriera in politica. In Italia, tanto per fare un esempio, il parlamento è pieno di imbecilli e bigotti. Gente che appena vede una tonaca cade in deliquio a terra leccando la terra dove il prete o il papa di turno posa i piedi. In una clerocrazia si muore di religione, si muore di ignoranza, si muore di menzogna.

 

 

6 commenti:

  1. Il contrario di imbecille è intelligente
    ma il contrario di bigotto non è laico:
    anche un laico può essere bigotto.
    Qui il dilemma non è cornuto ma credo esista una terza possibilità.
    A presto

    RispondiElimina
  2. Un vero laico non può essere bigotto, ma è vero che in giro ce ne sono di falsi...
    Secondo me il contrario di bigotto (nel senso di persona che pratica una religione in maniera puramente esteriore e formalistica) è laico, cioè persona che ha dei valori che non le derivano da imposizioni o regole esterne ma da interiore e profonda convinzione. Ciò non impedisce che i valori del laico e i valori di un uomo sinceramente credente possano coincidere, a volte.

    RispondiElimina
  3. Un laico non lancia anatemi verso chi si vive la propria fede interiormente e nella propria vita rispettando chi la pensa diversamente. Per un bigotto tutto questo è impossibile. In Italia la Chiesa usa delle leggi fantomatiche, dette di Dio, per fare in modo che i laici non possano vivere le proprie convinzioni liberamente, così come succede in ogni paese civilizzato. Quindi non in Italia.

    RispondiElimina
  4. Un vero credente,e se permetti,un vero cristiano non può e non deve essere bigotto. Magari non avrà in comune con il laico tutti i valori ma resterà sempre accanto a lui nella stessa piazza, in atteggiamento di dialogo costruttivo, intelligente, condividendo alla pari le fatiche per l'edificazione del bene comune. Ma questa non è politica?

    RispondiElimina
  5. è degli imbecilli "pensare" che tutti coloro che non si pisciano addosso siano degli imbecilli

    RispondiElimina
  6. Così scrive Bernardino Tolomei in www.democrazialegalita.it: "Io sono sempre stato convinto che, in generale, il livello morale di un non credente è molto superiore a quello di un credente, proprio perché si fonda su valori non accettati passivamente ma conquistati autonomamente e con fatica".
    Ecco perché io non sudo mai!
    P.S.
    Era meglio quando si stava peggio!
    Non ci sono più le mezze stagioni!
    Le nuove generazioni non hanno più valori!
    ...

    RispondiElimina