24 marzo 2009

Lo stato della chiesa

Il dado è tratto. Con la prolusione di ieri, il cardinale Bagnasco ha chiarito, definitivamente, quale sia  la “loro” idea di laicità e di separazione tra chiesa e stato: i vescovi ordinano e il parlamento confeziona una legge su misura per le esigenze della chiesa. Il parlamento della repubblica italiana si trasforma così in una sartoria vaticana, piena di servi e di chierici. Altro che libera chiesa in libero stato, altro che separazione degli ordini, altro che costituzione…

2 commenti:

  1. La santa alleanza fra il nano e la curia per abolire il parlamento.

    RispondiElimina
  2. Ma il mondo sta girando al contrario. E questo li rende molto nervosi. Obama li fa irritare, la Merkel e Sarkozy anche, se mette piede in nord Europa ha più o meno la stessa accoglienza di Borghezio, i nostri politici prendano nota, qui in Italia hanno intenzione di fare il loro fortino ma c'è una stragrande parte di italiani che non hanno nessuna intenzione di lasciarli fare.

    RispondiElimina