13 marzo 2011

Lui scenderà dal monte con le nuove tavole della legge...

Mosè con le tavole della legge

Dopo Hammurabi, Solone, Giustiniano, Graziano, un nuovo principe del diritto si appresta a lasciare la sua orma indelebile nella famiglia dei giurisperiti. No, non si tratta di A. A.: a lui il grande genio ha riservato il ruolo dell'intelligenza (beh...) che si muove nell'ombra! Colui che darà il suo nome alla "epocale" riforma della giustizia sarà il signor padrone e non l'umile maggiordomo.
Quando finalmente Egli ha guardato con degnazione alle sofferenze del suo popolo, Egli ha decretato che una riforma "epocale" della giustizia avrebbe posto fine all'età oscura. Non c'è lavoro? Colpa dei pubblici ministeri! Non si arriva alla fine del mese? A causa delle troppe intercettazioni! Siamo oppressi dal debito (pubblico e privato)? È perché i PM non vanno dai giudici "col cappello in mano" (che sublime espressione...)! Gli italiani non hanno senso civico? Colpa del CSM unico! Siamo al vertice della classifica per evasione fiscale? A causa dell'obbligatorietà dell'azione penale! L'Italia non cresce economicamente da lustri? Il motivo è l'indipendenza dei magistrati!... Alla fine il grande legislatore, redivivo Mosè, capostipite dei legislatori, condurrà il suo popolo verso la terra promessa aprendo in due il mar Rosso col suo bastone (niente battute!).

4 commenti:

  1. A me non fa pena lui ma gli italiani che lo votano e poi osano lamentarsi.
    Dicevo, lui non mi fa pena, infatti, mi fa schifo.

    francesco

    RispondiElimina
  2. Chiedo scusa, ma devo scrivere il mio punto di vista: "la responsabilità della sceneggiata che da 17 anni grava sull' Italia, a causa di berlusconi, ricade sui responsabili della sinistra che, nonostante la loro proverbiale intelligenza, non hanno capito quale pericolo rappresentasse quest' omuncolo".
    Che non abbiano capito o che invece abbiano condiviso, il danno arrecato al paese è tale che dovrebbero auto eliminarsi, invece sono ancora là, come CARIATIDI ad avallare il danno e la beffa.
    Sono costernato!

    RispondiElimina
  3. siamo tutti consapevoli di quello che sta accadendo, ci conduce alle porte dell'inferno,e tutti noi non riusciamo a far forza perchè non abbiamo ideali forti per cui lottare

    RispondiElimina
  4. Gli italiani sono un paese di santi, poeti,navigatori e con l'avvento di berluscon, anche un paese di coglioni. Solo così si può capire perchè quest'uomo è ancora al suo posto nonostante tutte le schifezze che ha fatto al paese. Il problema è che tutti i parlamentari sono eletti dai partiti e in questa legislatura a parte qualche voce fuori dal coro, sono tutti li a leccargli ..................... (vedi casini e il terzo polo) infischiandosene di cosa pensano i cittadini.

    RispondiElimina